Mappa antenne telefonia mobile italia

Poi c'è un altro aspetto da considerare: purtroppo nel , subito dopo che l'OMS aveva innalzato la pericolosità delle onde elettromagnetiche , il Decreto Sviluppo del governo Monti poi Legge art.

Ma cosa cambierà? Se prende la rete Iliad si disattiva il ran sharing con Wind Tre?

Come dire: di giorno sparo addosso alle scuole, ospedali, appartamenti e di notte, spengo tutto, e limiti sono comunque nella norma. Ferme restando, per quanto non espressamente disciplinato dal presente articolo, le vigenti le disposizioni contenute nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 8 luglio , recante fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra kHz e GHz, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.

Tali valori devono essere rilevati ad un'altezza di m.

Un mondo di servizi per te

I valori di cui al comma 10, lettera a del presente articolo, invece, devono essere rilevati ad un'altezza di m. Ai fini della verifica mediante determinazione del mancato superamento del valore di attenzione e dell'obiettivo di qualità si potrà anche fare riferimento, per l'identificazione dei valori mediati nell'arco delle 24 ore , a metodologie di estrapolazione basate sui dati tecnici e storici dell'impianto.

Le tecniche di calcolo previsionale da adottare sono quelle indicate nella norma CEI o specifiche norme emanate successivamente dal CEI. Ai fini della verifica attraverso stima previsionale del valore di attenzione e dell'obiettivo di qualità, le istanze previste dal decreto legislativo n. Tali dati dovranno rappresentare le reali condizioni di funzionamento degli impianti. Eventuali condizioni di funzionamento anomalo degli impianti dovranno essere tempestivamente segnalate agli organi di controllo e di vigilanza sanitaria e ambientale di cui all'articolo 14 della legge 22 febbraio , n.

Tali Linee Guida potranno essere soggette ad aggiornamento con periodicità semestrale su indicazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che provvederà alla relativa approvazione. Mi sono chiesto quali azioni intraprendere potessi mettere in atto per preservare la salute.

La prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella di verificare se in rete fosse presente qualche banca dati relativa alla presenza sul territorio delle antenne di telefonia: giusto per cominciare a studiare la grandezza del problema. Ho iniziato quindi la ricerca sui siti Istituzionali , partendo ovviamente da Roma che, essendo la Capitale, dovrebbe avere già un piano antenne con relativa mappatura: invece nulla!

Antenne telefonia mobile: mappa e informazioni sulla copertura

Eppure esiste la delibera capitolina n. Si sarebbero dovute attuare le seguenti azioni:. Quello che ho trovato invece sul sito del Comune è solo questo : la pagina degli avvisi installazione antenne e l' elenco degli avvisi passati. Allora ho proseguito la ricerca per scoprire se esisteva qualche mappa delle antenne di telefonia realizzata con gli Open Data , risultato: ho trovato questa mappa su datiopen. Purtroppo, visionando i dati relativi alla città di Roma ci si accorge subito che c'è qualcosa che non va.

Il numero delle antenne è troppo basso rispetto al numero reale di impianti installati, è evidente.


  • tavola copertura ripetitori telefonia mobile | felsemenbeke.cf.
  • PER SAPERNE DI PIU'.
  • english speaking free app for iphone!
  • cellulari iphone 6 cinesi!
  • INWIT, ecco la mappa delle antenne cellulari TIM - felsemenbeke.cf.

Quindi anche in questo caso, nulla di fatto! Poi ho trovato il sito inwit.

Stavolta il numero mi sembra congruo. Certo che, trattandosi delle sole antenne TIM, se considerassimo anche quelle di tutti gli altri gestori, la cosa evidente e che balza subito all'occhio è la g ran quantità di elementi presenti : un numero davvero impressionante , non credi? Per conoscere la situazione della copertura del segnale, esiste anche questa mappa che trovi su opensignal. Per permetterti di studiare meglio i dati, ho provveduto ad inserire dei flitri , in modo da poter scegliere come visualizzare i dati in base all'anno, il municipio, ecc.

Iliad ha già copertura nazionale, resa possibile con degli accordi con Wind Tre e quindi con una specie di roaming nazionale che in questo caso è un ran sharing. Dal suo esordio, fino a questo momento, Iliad ha sempre potuto contare esclusivamente su questo accordo. Una situazione temporanea.

Mappa delle antenne in Italia

Seppur lunga. Infatti Iliad possiede le licenze per operare con una rete tutta sua. Antenne quindi solo Iliad e non Wind Tre. Per gli utenti, niente paura. Nessun radicale e improvviso cambiamento. Semplicemente, dove sarà disponibile la copertura diretta di Iliad il telefonino tenderà a preferire questa.

Mappa delle antenne in Italia

Nelle altre tantissime zone prive di rete Iliad proprietaria, tutto continuerà come prima. Ci guadagna Iliad che pagherà meno affitto a Wind Tre , ci guadagnano gli utenti che rischieranno meno la saturazione della rete e che potranno presumibilmente contare su prestazioni migliori, sulle velocissime corsie preferenziali della nuova rete di proprietà.

Tutto chiaro? Quindi si tratta di passaggi che non saranno certo effettuati in tempi brevi. La trovate gratuitamente sul Google Play Store. Se vogliamo conoscere la copertura nel punto in cui siamo, basterà fare clic sul pulsante a forma di mirino presente accanto al campo di ricerca e autorizzare il browser e il sito a geo-localizzarci.

Da questa pagina possiamo anche verificare la copertura in base alla tecnologia a cui siamo interessati: in alto a destra della mappa infatti possiamo scegliere se controllare la copertura su rete 2G la più lenta , su rete 3G , su rete 4G e sulla nuova rete 4GPLUS la più veloce.

Nella semplice finestra che vedremo comparire è sufficiente digitare il nome della città o della provincia in cui effettuare il controllo e monitorare sulla mappa la copertura registrata. All'interno della mappa basata su Google Maps possiamo verificare la copertura per ogni zona d'Italia, utilizzando anche il campo di ricerca incluso per trovare vie e indirizzi.

Marano (NA) - Allarme per ripetitori di telefonia mobile (20.08.14)

Di lato, alla sinistra della mappa, possiamo cambiare le diverse tipologie di rete supportati, premendo sui pulsanti 2G , 3G e 4G LTE. L'unione tra i due operatori citati è visibile anche in questa pagina, che è di fatto identica alla pagina di controllo delle coperture di 3: avremo una mappa basata su Google Maps con cui controllare la copertura in ogni zona d'Italia, con le varie tecnologie supportate i tasti 2G, 3G e 4G LTE presenti sulla sinistra della mappa.